street-food-blog

Street Food e Sicurezza Alimentare… connubio possibile?

Tempo di vacanze? Finalmente si.

Se avete in programma di visitare qualche città d’arte magari, non c’è nulla di più comodo (e allettante) dello “street food” quando si è in giro tutto il giorno.

Saporito, caratteristico, anche divertente… ma è sicuro?

Ovviamente molto dipende dalla realtà dove lo acquistate.

Detto che gli “ambulanti” seguono regole leggermente diverse rispetto a quelle degli esercizi in sede fissa, non si può però prescindere dai basilari requisiti igienici.

La preparazione per la strada mette a rischio l’alimento, perché questa avviene di solito in un ambiente aperto o comunque poco protetto.

Un buon accorgimento è quindi quello di verificare fino a che punto la lavorazione avvenga a distanza da possibili fonti di contaminazione (una delle quali siete proprio voi);  se l’ambulante vi permette di “adagiarvi” sul banco di lavoro perché ha piacere a farvi vedere quanto sia bravo a prepararvi un panino, magari questo inizialmente potrà farvi piacere ma poi chiedetevi se questo sia effettivamente igienico (vi do un aiuto – la risposta è “no”).

Dopodiché, il mantenimento delle materie prime in frigorifero è sempre un indizio di cura da parte di chi vende; verificate quindi se siano presenti dei frigoriferi e soprattutto se siano funzionanti (di solito in un banco frigo si forma un po’ di condensa quando questo è in funzione, in particolare con temperature ambiente elevate).

“Last but not least”, è utile per non dire fondamentale, che chi tocca il vostro panino sia egli stesso pulito; prediligete quei venditori che hanno acqua potabile a disposizione per lavarsi le mani (e che la usano anche, magari!).

Detto questo, buone vacanze a tutti!