Menu
Sicurezza Alimentare

Perché i legumi sono la chiave per un mercato alimentare più sicuro e sostenibile

Ogni stagione che passa diventa sempre più evidente quanto il tema della sostenibilità sia di estrema urgenza. Adeguare i nostri consumi e le nostre abitudini per venire incontro a questa esigenza è prima di tutto un dovere e una responsabilità. Per questo motivo cerco di conoscere gli alimenti che ci aiutano a raggiungere l’obiettivo di sostenibilità, perché anche la scelta che facciamo quando mettiamo le cose nel carrello della spesa diviene uno strumento fondamentale per il benessere della popolazione e del pianeta. 

Legumi amici della Terra e della sicurezza alimentare 

In questo senso, come emerso dall’analisi svolta dalla FAO in occasione della giornata mondiale dei legumi, che si celebra il 10 febbraio di ogni anno, i legumi svolgono un ruolo cruciale nel garantire la sicurezza alimentare, un’alimentazione sana e la creazione di sistemi agroalimentari sostenibili. Lo scopo di questa analisi è dimostrare come i legumi contribuiscano in maniera sostanziale a dar vita a una migliore produzione e a una minore disparità nutrizionale nel mondo e, di riflesso, a trasformare i sistemi agroalimentari, rendendoli più inclusivi, resilienti e sostenibili. 

Come sappiamo, la popolazione mondiale è rapidamente in crescita e la produzione agricola deve costantemente adattarsi di conseguenza. A questo aggiungiamo che la pandemia di Covid-19, costringendo in casa milioni di persone, ha permesso la riscoperta del cibo sano e della buona cucina casalinga, in cui i legumi giocano senza dubbio un ruolo da protagonista. Questo ha inevitabilmente fatto sì che la domanda di mercato sia aumentata negli ultimi anni, stimolando molti produttori a incrementare la produzione. 

Grandi e piccoli agricoltori di tutto il mondo possono confidare nei legumi come colture da reddito, ovvero di notevole resa in qualunque territorio si trovino. Infatti, i legumi si adattano anche agli ambienti marginali: sono resistenti alla siccità e le specie a radicazione profonda possono fornire acqua di falda alle colture compagne quando vengono piantate in sistemi di consociazione. Questo significa che anche le popolazioni che vivono in ambienti aridi possono migliorare i loro sistemi di produzione in modo sostenibile utilizzando legumi adattati localmente. 

Ma i benefici dei legumi dal punto di vista della sicurezza alimentare sono innumerevoli: 

  • Sono prodotti a bassa impronta di spreco alimentare: possono essere conservati per lunghi periodi senza perdere il loro valore nutrizionale e riducendo al minimo le perdite. La percentuale di rifiuti alimentari a causa di deterioramento dei legumi è infatti molto bassa.  
  • Costituiscono un forte risparmio economico: carne, latticini e pesce sono una fonte preziosa di proteine, ma economicamente inaccessibili per molti. Le proteine ottenute dai legumi, invece, sono significativamente meno costose rispetto agli alimenti di origine animale. 
  • Sono una fonte accessibile di proteine e minerali, anche e soprattutto in quei Paesi dove la malnutrizione è un problema particolarmente importante. 
Come scegliere i legumi sul mercato 

Il consumatore ha sempre il diritto di conoscere le specifiche del prodotto che va ad acquistare ed è per questo che anche i legumi devono rispondere al Regolamento UE 1169/2011 che impone alle aziende alcune regole da seguire in fase di produzione, etichettatura e commercializzazione. 

Sull’etichetta riportata sulla confezione dei legumi devono obbligatoriamente essere riportate le seguenti indicazioni: 

  1. denominazione del prodotto; 
  1. ingredienti; 
  1. presenza di allergeni; 
  1. peso netto; 
  1. termine minimo di conservazione; 
  1. il lotto di appartenenza; 
  1. informazioni sulle sedi di lavorazione e di confezionamento.  

Non è dunque obbligatorio inserire l’origine, a meno che non si tratti di legumi di produzione biologica: in tal caso, le etichette di questi ultimi devono essere maggiormente precise e contenere anche informazioni aggiuntive, quali la filiera agricola di produzione, europea o extraeuropea. 

In fase di produzione, ci sono alcune indicazioni da seguire perché vengano rispettati i principi del sistema HACCP, e in particolare bisogna monitorare con attenzione l’essiccazione, l’umidità e l’imballaggio prima della commercializzazione. I produttori agricoli non hanno però alcun obbligo a inserire anche queste informazioni sulle etichette.  

A volte è particolarmente utile anche avere indicazioni su come conservare l’alimento una volta che la confezione è stata aperta. Tuttavia, come specificato poco sopra, i legumi possono essere conservati per lunghi periodi di tempo senza correre il rischio di deteriorarsi; una qualità non da poco se consideriamo che circa un terzo del cibo prodotto per il consumo umano nel mondo va perso o sprecato. 

Condividi anche tu la Sicurezza Alimentare:
Translate »

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie in osservanza del nuovo Regolamento Privacy - GDPR Privacy Policy

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi