sicurezza alimentare blog di cosa si preoccupano gli italiani

La Sicurezza Alimentare è negli occhi di chi guarda?

L’Autorità Europea per la Sicurezza Alimentare (EFSA) ha svolto un sondaggio su più di 6000 consumatori in Europa per sapere quali sono le loro preoccupazioni maggiori e come e quando vogliono essere informati sui temi della sicurezza alimentare, sia “noti” che “emergenti”.

L’EFSA raggruppa i nuovi rischi in nuovi trend alimentari, frodi alimentari e nanotecnologie.

Si considerano nuovi trend alimentari il consumo di frullati di frutta e verdura (c.d. green smoothies), di latte non pastorizzato e carne cruda, mentre le nanotecnologie sono di ausilio nella modifica di colore e sapore degli alimenti, nella protezione dalle contaminazioni batteriche.

Di cosa si preoccupano i consumatori?

I temi caldi della sicurezza alimentare, in ordine di importanza, dal punto di vista dei consumatori:

I rischi alimentari noti

  1. Sostanze di sintesi negli alimenti (antibiotici, pesticidi, additivi)

  2. Tossinfezioni alimentari

  3. Nuovi virus

 

I nuovi rischi alimentari

  1. Nuovi trend alimentari

  2. Frodi alimentari

  3. Nanotecnologie

 

I numeri mostrano che i consumatori europei sono più preoccupati per i rischi noti che per i nuovi.

I Rischi alimentari noti ed i nuovi in cifre

Il grado di preoccupazione degli intervistati varia molto in base al tema:

image006

Quanto si informano i consumatori sui temi emergenti della sicurezza alimentare?

Il 26% degli intervistati si è informato sui rischi dei green smoothies ed il 26% sui rischi delle frodi. Solo il 7%, invece, si è documentato in merito all’impatto delle nanotecnologie sugli alimenti.

Come vogliono essere informati i consumatori?

Il 72% degli intervistati vuole conoscere i temi della sicurezza alimentare tempestivamente, anche in assenza di valutazioni scientifiche certe, e la maggioranza vuole essere informata tramite TV (71%) e siti internet delle autorità (54%)

Di chi si fidano i consumatori a proposito di sicurezza alimentare?

La maggior fiducia dei consumatori è riposta nelle autorità nazionali e nella scienza, la minore nell’industria:

image007

E l’Italia?

Il dato che mi è piaciuto di più è quello relativo alla fiducia degli italiani.

Il 41% degli intervistati è sicuro che le autorità nazionali garantiscano a pieno la sicurezza alimentare.

Daniela Maurizi chi è

Laureata in Chimica con specializzazione post-laurea alla De Montfort University di Leicester (UK),

mi occupo da sempre di Sicurezza Alimentare.

Lo faccio con la mia azienda, Gruppo Maurizi, ma anche come formatrice e relatrice in Master e Convegni nazionali.

Invitata spesso in radio e televisione come esperta, collaboro con DiMartedì, il programma di Giovanni Floris.

Nel tempo libero divoro film in lingua originale e mi nutro di musica pop.

Il mio piatto forte?
Il tiramisù con le uova delle mie galline.