Cos’è l’agricoltura biodinamica e che differenza c’è tra con quella biologica

L’agricoltura biodinamica è un particolare tipo di coltivazione biologica. Come il biologico, pratica tecniche a minor impatto ambientale ma, rispetto a questo, è basata sull’idea filosofica del suo fondatore, il filosofo Steiner, della ricerca dell’equilibrio tra clima, stagioni, piante, animali e uomini. 

L’equilibrio è raggiunto gestendo il terreno secondo i cicli cosmici e lunari ed utilizzando fertilizzanti naturali. 

Le colture

Gli agricoltori biodinamici utilizzano principalmente letame per concimare le piante: i lavori di coltivazione cominciano nella primavera dell’anno precedente preparando cumuli di concime e paglia che maturano in sei-dodici mesi in base alle condizioni atmosferiche.

La concimazione biodinamica stressa meno il terreno rispetto a quella convenzionale e, per questa ragione, può durare anche 4-5 anni.

Per la crescita delle piante è rispettata la stagionalità ed è praticata la rotazione delle colture. Come quella biologica, l’agricoltura biodinamica: 

  • pratica la rotazione delle colture per non stressare il terreno
  • sceglie le varietà più resistenti ai parassiti
  • utilizza sostanze naturali e non di sintesi 
  • non utilizza OGM

I controlli

I prodotti da agricoltura biodinamica sono certificati come biologici e quindi soggetti ai controlli da parte di enti pubblici ed organismi privati, controllati a loro volta dal Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali, in particolare dai due dipartimenti dedicati al biologico: 

  • Dipartimento dell’Ispettorato centrale della tutela della qualità e della repressione frodi dei prodotti agroalimentari (ICQRF); 
  • Direzione generale per la promozione della qualità agroalimentare (PQAI);

Nel corso delle ispezioni, i controllori valutano i processi di produzione e prelevano campioni di alimenti da far analizzare in laboratorio per la ricerca di sostanze non ammesse. 

Oltre alla certificazione biologica, i prodotti da agricoltura biodinamica sono certificati da altri organismi ad hoc che garantiscono il rispetto dei requisiti dell’agricoltura biodinamica. 

Daniela Maurizi chi è

Laureata in Chimica con specializzazione post-laurea alla De Montfort University di Leicester (UK),

mi occupo da sempre di Sicurezza Alimentare.

Lo faccio con la mia azienda, Gruppo Maurizi, ma anche come formatrice e relatrice in Master e Convegni nazionali.

Invitata spesso in radio e televisione come esperta, collaboro con DiMartedì, il programma di Giovanni Floris.

Nel tempo libero divoro film in lingua originale e mi nutro di musica pop.

Il mio piatto forte?
Il tiramisù con le uova delle mie galline.

Condividi anche tu la Sicurezza Alimentare: