Menu
Sicurezza Alimentare

Come congelare correttamente gli alimenti

congelare

Data la varietà degli alimenti ed i molti tipi di freezer in commercio, non esiste una regola universale per il

congelamento domestico. Dobbiamo controllare sul libretto di istruzioni il numero di stelle del nostro freezer. Il codice internazionale a stelle stabilisce per quanto tempo un dato alimento si conserva in un determinato tipo di freezer. In ogni caso, la temperatura deve essere costantemente pari a – 18°C e puoi verificarlo periodicamente inserendo un termometro all’interno.

In assenza di indicazioni precise sugli alimenti, puoi tenere in considerazione i tempi in tabella:

  • Prodotti Tempi in freezer
  • Bacon e salsicce 1 – 2 mesi
  • Alimenti cotti in casseruola 1 – 2 mesi
  • Albume e ovoprodotti 12 mesi
  • Salse con carne e pollo 2 – 3 mesi
  • Preparazioni di carne 1 – 2 mesi
  • Arrosti crudi 9 mesi
  • Bistecche o cotolette crude 4 – 6 mesi
  • Carne macinata cruda 3 – 4 mesi
  • Carne cotta 2 – 3 mesi
  • Pollo intero crudo 12 mesi
  • Frattaglie crude di pollame 3 – 4 mesi
  • Pollo cotto 3 – 4 mesi
  • Minestre e stufati 2 – 3 mesi
  • Selvaggina cruda 8 – 12 mesi

 

Quando congeli gli alimenti, utilizza sacchetti monouso idonei al contatto alimentare ed apponi un’etichetta con la data di congelamento, ti aiuterà a ricordare quando è il momento di scongelarli. Per congelare gli alimenti, tagliali in piccoli pezzi per velocizzare il processo di abbattimento della temperatura. Non riporre nel freezer gli alimenti ancora caldi perchè scongeleresti gli altri.

Per una conservazione ottimale, il freezer deve essere mantenuto ben pulito e non deve presentare brina all’interno, segno di un avvenuto sbalzo termico.

Scongelare gli alimenti a temperatura ambiente non è sano perché favorisce la proliferazione dei batteri, meglio utilizzare il frigorifero. Gli alimenti scongelati devono essere consumati entro 24 ore e non devono essere ricongelati a meno che non vengano preventivamente cotti. Il ricongelamento va evitato per due motivi:

  1. Quando congeliamo un alimento per la prima volta, la maggior parte dei batteri presenti non viene uccisa

ma entra in uno stato “letargico”. Al momento dello scongelamento, la riproduzione dei batteri riprende:

non è quindi salutare congelare per la seconda volta un alimento nel quale la carica batterica si è

moltiplicata

 

  1. Durante il congelamento domestico, che è molto lento, all’interno dell’alimento si formano grandi cristalli

di ghiaccio che rompono la struttura cellulare degli alimenti, riducendone la qualità. Se il processo si ripete

per più di una volta, si osserverà una perdita di qualità ulteriore

Condividi anche tu la Sicurezza Alimentare:
Translate »

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie in osservanza del nuovo Regolamento Privacy - GDPR Privacy Policy

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi