nutrienti dosi consigliate

Come acquistare gli alimenti in base ai nutrienti

Quanto è importante conoscere quali sono le dosi giornaliere raccomandate per ogni nutriente?

La dose giornaliera consigliata non è altro che la quantità di un nutriente che una persona dovrebbe assumere per garantire le corrette funzioni metaboliche necessarie per vivere in salute.

I riferimenti giornalieri, come già detto in precedenza, sono riportati nell’allegato XIII del Reg. UE 1169/11 e li riepilogo di seguito.

Nella tabella ci sono le vitamine ed i Sali minerali con i loro relativi valori giornalieri di assunzione consigliata:

dose-giornaliera-consigliata-per-nutriente

Questo significa che per esempio è consigliato il consumo giornaliero di almeno 800 microgrammi di Vitamina A (pari quindi a 0.8 grammi).

Oppure è opportuno consumare almeno 2000 milligrammi di potassio (pari quindi a 2 grammi).

Abbiamo visto poi nelle diverse puntate precedenti che anche per i macronutrienti è necessario consumare un certo quantitativo giornaliero dei diversi componenti, al fine di garantire una alimentazione completa e corretta.

Li riepilogo insieme nella tabella seguente, così da averli tutti sott’occhio insieme.

Quindi per esempio è importante non superare il consumo di 70 grammi di grassi al giorno oppure i 6 grammi di sale.

Naturalmente questi sono riferimenti validi per persone sane, senza quindi problemi di peso ne altre patologie metaboliche.

In caso di necessità di diete dimagranti o in caso di disfunzioni è opportuno rivolgersi a un dietologo.

Le etichette

Sulle etichette dei prodotti alimentari molto spesso vengono riportate in tabella nutrizionale anche le percentuali dei diversi nutrienti contenuti nell’alimento ricalcolati in base ai valori giornalieri di riferimento di cui sopra.

Questa modalità di indicazione non è obbligatoria ma espressa su base volontaria dal produttore.

Viene espressa per 100 grammi di prodotto ed è sicuramente molto utile per fornire al consumatore un’idea chiara di cosa e quanto sta per mangiare in funzione delle dosi giornaliere.

Laddove presenti queste percentuali, il produttore deve però prestare attenzione al fatto che venga indicata anche la dicitura “Assunzioni di riferimento di un adulto medio (8400 kJ/2000 kcal)”.

Vi riporto come esempio una tabella nutrizionale presente sull’etichetta di un alimento: nella prima colonna sono riportati i valori nutritivi che apportano 100 grammi di prodotto, nella seconda la percentuale in base alla dose giornaliera che apportano 100 grammi del prodotto:

Come si vede, 100g di prodotto apportano per esempio il 15% di proteine, quindi sicuramente un buon apporto proteico, ma per soddisfare il fabbisogno giornaliero sicuramente bisognerà consumare altri alimenti ricchi di questo nutriente (per esempio carne o pesce).

Fai attenzione in vacanza

Quando viaggi tieni presente che le dosi raccomandate giornaliere e l’impostazione della tabella nutrizionale possono essere diversi da paese a paese.

Per esempio le tabelle nutrizionali statunitensi prevedono l’indicazione dei valori nutrizionali calcolati non per 100g ma per porzione di prodotto, così come anche la % di riferimento.

Vedi le precedenti puntate: carboidratiproteinegrassifibre, vitamine

Daniela Maurizi chi è

Laureata in Chimica con specializzazione post-laurea alla De Montfort University di Leicester (UK),

mi occupo da sempre di Sicurezza Alimentare.

Lo faccio con la mia azienda, Gruppo Maurizi, ma anche come formatrice e relatrice in Master e Convegni nazionali.

Invitata spesso in radio e televisione come esperta, collaboro con DiMartedì, il programma di Giovanni Floris.

Nel tempo libero divoro film in lingua originale e mi nutro di musica pop.

Il mio piatto forte?
Il tiramisù con le uova delle mie galline.