Arriva l’origine in etichetta per il prosciutto!

Salumi e prosciutti non mancano mai nel carrello della spesa, ma sappiamo da dove vengono? Adesso sì: un decreto del Ministero delle politiche agricole, alimentari e forestali obbliga i produttori a specificarlo in etichetta.

Novità

Fino al 31 dicembre 2021 troveremo informazioni sull’origine sulle etichette di vari alimenti:

  • carne suina macinata: per esempio preparazioni per hamburger
  • preparazioni e prodotti che contengono la carne suina come ingrediente: per esempio salumi e wurstel nei cibi pronti
  • carne suina separata meccanicamente: quella che resta dopo che è stata tagliata quella più pregiata: non è una carne di prima scelta ma è presente in moltissimi prodotti (tortellini, spinacine, cotolette)

Cosa c’è scritto in etichetta

Le etichette riporteranno:

  • paese di nascita
  • paese di allevamento
  • paese di macellazione

Se il suino è nato, allevato e macellato nello stesso paese, troveremo in etichetta: “origine: nome del paese”. Se invece i paesi sono diversi, troveremo “Origine: UE”, “Origine: extra UE”, “Origine: Ue e extra UE”.

I prodotti potranno indicare in confezione “100% italiano” solo se realizzati con suini nati, allevati e macellati in Italia.

In questo momento particolare, possiamo privilegiare salumi e prosciutti italiani!

Daniela Maurizi chi è

Laureata in Chimica con specializzazione post-laurea alla De Montfort University di Leicester (UK),

mi occupo da sempre di Sicurezza Alimentare.

Lo faccio con la mia azienda, Gruppo Maurizi, ma anche come formatrice e relatrice in Master e Convegni nazionali.

Invitata spesso in radio e televisione come esperta, collaboro con DiMartedì, il programma di Giovanni Floris.

Nel tempo libero divoro film in lingua originale e mi nutro di musica pop.

Il mio piatto forte?
Il tiramisù con le uova delle mie galline.

Condividi anche tu la Sicurezza Alimentare: